fantastico

Recensione Amazon, settembre 2017
 
“FANTASTICO”
 
“Fantastico. Leggere un libro che va controcorrente è già di per sé una grande soddisfazione. Ma leggere LA CADUTA DEGLI DEI, di Anna trombetta e Luca Bianchini, è davvero una goduria. E lo voglio suggerire proprio a coloro che, come me, sono sempre rimasti perplessi di fronte a tanta “benevolenza” nei confronti di autori che eseguiti in orchestra da noi musicisti, presentavano spesso qualche buco, un po’ qua, un po’ la. Ma sai, come si fa a “parlar male” di un personaggio che per decenni e decenni ti hanno “obbligato” a considerare uno dei più grandi geni dell’universo? Professori di storia della musica in conservatorio, direttori d’orchestra in teatro, i colleghi in orchestra, la tv, i giornali, le riviste specializzate…è mancato solo qualche articolo scritto sulla carta igienica. Al solo accenno si provocava l’immediata reazione scandalizzata di colleghi e intellettuali. Vi devo svelare, pertanto, che ho avvertito una grande sensazione di appagamento quando a pagina 7 della parte seconda de La Caduta degli Dei ho letto: “Reinhardt riprendendo le parole dell’Inno alla gioia di Schiller: ‘Gioia bella scintilla divina…Tutti gli uomini saranno fratelli’, invitava i compatrioti a conquistare il mondo dopo averlo fraternizzato e assoggettato all’Austria ‘tra scintille di gioia’. La Nona di Beethoven era tutt’altro che il simbolo della libertà e dell’unione dei popoli”. Immaginatevi la mia soddisfazione. Io, che non ho mai potuto sopportare “l’invadenza” nelle programmazioni teatrali di questi autori che hanno esaltato sempre l’ideologia imperialista e quella della sottomissione dei popoli, partecipando di fatto agli orrori che ne sono successivamente scaturiti. Li avrebbero dovuti “cacciare via” da tutti i cartelloni…e invece? E vogliamo parlare della musica? Beh. grazie anche a questo libro, adesso si può parlare più ad alta voce delle “indecenze” scritte dall’autore per le parti vocali nel quarto tempo di questa sinfonia. Non ne siete convinti? Parlate allora con i grandi cantanti d’Opera di questa terra..gli addetti ai lavori. Vedrete cosa vi risponderanno”
Antonella N.

gli haters (odiatori)

 

È in corso da un anno una campagna diffamatoria contro le nostre persone: Luca Bianchini, Anna Trombetta, contro il nostro lavoro, le nostre idee, ma per fortuna abbiamo dalla nostra il mondo accademico, i musicisti, i professionisti, gli amanti della musica e della verità storica che ci sostengono.

Come ogni personaggio famoso anche noi abbiamo gli odiatori (haters***), e ne siamo felici, però, a differenza di altri personaggi pubblici, noi siamo proprio sfortunati, perché i nostri sono così cretini che non possiamo neppure citarli. Che scalogna !

Se la prendono addirittura con gli addetti ai lavori e i musicisti competenti che scrivono recensioni positive ai nostri libri, su Amazon, IBS, Feltrinelli… Vanno a dare fastidio persino a loro, commentando con parole scurrili ogni positività evidenziata. Certo i nostri haters devono essere proprio degli sfaccendati per aver così tanto tempo da perdere.

*** “Gli haters sono odiatori seriali, frustrati dalla vita, che vomitano la propria pochezza e inconsistenza sul web nel tentativo di sentirsi vivi e importanti”

risposta di un lettore agli haters (odiatori)

 

risposta di un lettore agli haters (odiatori)

“Sono Pasquale Napolitano, musicista, autore della recensione. Che strano sono scomparsi i PRINCIPI della carta igienica in anonimato e comparsi dei presuntuosi scostumati in giacca e cravatta che vorrebbero irridere la competenza di MUSICISTI VERI, non allineati! Di tutto quello che ho scritto sembrava essere chiara soltanto la “CARTA IGIENICA”? Forse l’argomento è per alcuni familiare, chissà.
E… Scusate il ritardo ma a differenza vostra, non ho tutto quel tempo che voi dedicate ad inveire contro chi si esprime favorevolmente nei confronti dei due libri. E’ forse il vostro lavoro questo?
Ma parliamo dei libri: li avete avuti tra le mani o vi “divertite” semplicemente ad andare contro in maniera anonima, goffa, sarcastica (per modo di dire), offensiva e “senza palle”, a chi ne elogia i contenuti?
Avete avuto la vostra possibilità di giudicare il prodotto nelle vostre recensioni che nessuno si è permesso di offendere!
Ma poi dico: su amazon non arriva nessuna notifica di avvenuta recensione e questo vuol dire solo che state sempre appostati su questa pagina come avvoltoi (senza offesa per gli animali) aspettando la preda! Fischieranno continuamente le orecchie degli autori che hanno una, due, tre (non si è capito chi siete e quindi quanti siete) persone che li pensano continuamente!
In ogni caso noto che parlare con voi di Musica è ovviamente inutile, dal momento che dimostrate di non conoscere la differenza tra un’Opera Lirica e il festival di Sanremo.
Ma è dal punto di vista storico che è inquietante dover sopportare iene come voi che vanno in casa d’altri ad oltraggiarne il pensiero.
Quindi, visto che non potete essere altro che dei mercenari assoldati (diversamente mi rifiuto di pensare che esiste gente così inutile), mi dite per favore DA CHI SIETE PAGATI?
Da un movimento neo-nazista? Da un autore che ha scritto teorie inverse e contrarie? Dalla tris-tris-tris… nipote di Mozart che si sente offesa? Da chi? Mah!”

Forum

Questo è il forum che alcuni citano come fonte musicologica di riferimento per parlare dei commenti al nostro libro. Le immagini sono contemporanee all’apparizione di articoli su Mozart, Luchesi, ecc. ecc.

Giudicate un po’ voi l’attendibilità della fonte e di chi la cita.