fantastico

Recensione Amazon, settembre 2017
 
“FANTASTICO”
 
“Fantastico. Leggere un libro che va controcorrente è già di per sé una grande soddisfazione. Ma leggere LA CADUTA DEGLI DEI, di Anna trombetta e Luca Bianchini, è davvero una goduria. E lo voglio suggerire proprio a coloro che, come me, sono sempre rimasti perplessi di fronte a tanta “benevolenza” nei confronti di autori che eseguiti in orchestra da noi musicisti, presentavano spesso qualche buco, un po’ qua, un po’ la. Ma sai, come si fa a “parlar male” di un personaggio che per decenni e decenni ti hanno “obbligato” a considerare uno dei più grandi geni dell’universo? Professori di storia della musica in conservatorio, direttori d’orchestra in teatro, i colleghi in orchestra, la tv, i giornali, le riviste specializzate…è mancato solo qualche articolo scritto sulla carta igienica. Al solo accenno si provocava l’immediata reazione scandalizzata di colleghi e intellettuali. Vi devo svelare, pertanto, che ho avvertito una grande sensazione di appagamento quando a pagina 7 della parte seconda de La Caduta degli Dei ho letto: “Reinhardt riprendendo le parole dell’Inno alla gioia di Schiller: ‘Gioia bella scintilla divina…Tutti gli uomini saranno fratelli’, invitava i compatrioti a conquistare il mondo dopo averlo fraternizzato e assoggettato all’Austria ‘tra scintille di gioia’. La Nona di Beethoven era tutt’altro che il simbolo della libertà e dell’unione dei popoli”. Immaginatevi la mia soddisfazione. Io, che non ho mai potuto sopportare “l’invadenza” nelle programmazioni teatrali di questi autori che hanno esaltato sempre l’ideologia imperialista e quella della sottomissione dei popoli, partecipando di fatto agli orrori che ne sono successivamente scaturiti. Li avrebbero dovuti “cacciare via” da tutti i cartelloni…e invece? E vogliamo parlare della musica? Beh. grazie anche a questo libro, adesso si può parlare più ad alta voce delle “indecenze” scritte dall’autore per le parti vocali nel quarto tempo di questa sinfonia. Non ne siete convinti? Parlate allora con i grandi cantanti d’Opera di questa terra..gli addetti ai lavori. Vedrete cosa vi risponderanno”
Antonella N.

il piedistallo

settembre 2017
 
“ho giá anche il vostro secondo volume….. complimenti di vero cuore! Siete riusciti a capovolgere tutto quello che fin’ora ci hanno raccontato. In maniera molto approfondita e documentata senza sminuire la musica e il talento di Mozart ma semplicemente togliendolo dal piedistallo”.
Angela C.
 

gli haters (odiatori)

 

È in corso da un anno una campagna diffamatoria contro le nostre persone: Luca Bianchini, Anna Trombetta, contro il nostro lavoro, le nostre idee, ma per fortuna abbiamo dalla nostra il mondo accademico, i musicisti, i professionisti, gli amanti della musica e della verità storica che ci sostengono.

Come ogni personaggio famoso anche noi abbiamo gli odiatori (haters***), e ne siamo felici, però, a differenza di altri personaggi pubblici, noi siamo proprio sfortunati, perché i nostri sono così cretini che non possiamo neppure citarli. Che scalogna !

Se la prendono addirittura con gli addetti ai lavori e i musicisti competenti che scrivono recensioni positive ai nostri libri, su Amazon, IBS, Feltrinelli… Vanno a dare fastidio persino a loro, commentando con parole scurrili ogni positività evidenziata. Certo i nostri haters devono essere proprio degli sfaccendati per aver così tanto tempo da perdere.

*** “Gli haters sono odiatori seriali, frustrati dalla vita, che vomitano la propria pochezza e inconsistenza sul web nel tentativo di sentirsi vivi e importanti”

La biografia più recensita, più commentata, più amata

Mozart, la caduta degli dei, Best Seller, la nuova biografia di Mozart che ha scosso il mondo musicale; la più venduta, recensita, amata, commentata da musicologi, musicisti, appassionati di musica.

Ora disponibile il secondo volume sugli anni della maturità di Mozart, on line su Amazon, IBS, LaFeltrinelli, Hoepli, Mondadori … e nelle migliori librerie.
(Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart la caduta degli dei, Parte prima https://www.amazon.it/gp/product/8892602756 Parte seconda https://www.amazon.it/gp/product/8892653393)

“Grande lavoro per una Storia più corretta. Riscrivere la storia ogni volta, ricontrollando le fonti, è il dovere di ogni storico. Il lavoro di Luca Bianchini e Anna Trombetta ne è una dimostrazione. La dettagliata ricerca e citazione puntuale delle fonti consente agli autori di ripercorrere con successo un cammino per troppo tempo dato per già battuto, noto, scontato e immodificabile: l’agiografia mozartiana, il mito del genio musicale e il classicismo viennese.”
(Daniele Fusi, musicologo)

“Documentatissimo. Le sorprese abbondano, ma ogni affermazione, anche la più inaspettata, appare corredata di note sulle fonti. Ne emerge una conoscenza pressoché totale della saggistica in materia, letta nelle varie lingue originali. La biografia di Mozart ha sempre avuto l’aspetto di una favola, e questo lavoro è il più lontano dal leggendario e dall’agiografico che mai sia stato scritto.”
(Marcello Piras, musicologo)

“Il libro di Luca e Anna fa chiarezza e restituisce un po’ di verità (e di logica) alla storia della musica. … Genio e sregolatezza è una favola inventata per far meno male agli amateurs.”
(Edoardo Catemario, concertista)

“Straordinario!! Dalle prime pagine del libro gli autori ci aiutano a capire come i governi e le lobby non si facciano prendere da nessuno scrupolo di coscienza nel calunniare ed eliminare avversari e nemici, finanche quelli ritenuti tali, dell’Arte più alta.”
(Giovanni Paracuollo, concertista)

“Mai si sarebbe scatenato sui due poderosi tomi che caratterizzano il gran lavoro di Bianchini e Trombetta un tale livore e critica oltre le righe se l’oggetto fosse stato un qualunque autore secondario. Ma il protagonista è Mozart, e quindi crollano i castelli in aria, crollano i miti…”
(Gian Luca Marcialis, docente universitario)

“Fantastico. Leggere un libro che va controcorrente è già di per sé una grande soddisfazione. Ma leggere La Caduta degli Dei di Anna trombetta e Luca Bianchini è davvero una goduria. E lo voglio suggerire proprio a coloro che, come me, sono sempre rimasti perplessi di fronte a tanta benevolenza nei confronti di autori che eseguiti in orchestra da noi musicisti, presentavano spesso qualche buco, un po’ qua, un po’ là.”
(Pasquale Napolitano, concertista)

“Con il vostro libro ho fatto un viaggio dove ho imparato più cose che in dieci anni di Conservatorio. In ogni caso ringrazio di cuore.”
(Bruno G. musicista).

“Un libro che finalmente parla della storia di un’Arte, e questa volta di Storia della Musica, che non riproponga all’infinito sempre gli stessi argomenti trattati sempre con la medesima interpretazione degli stessi fatti. … Mi consento, quindi, di invitare tutti voi a fornirvi dei due libri di A.Trombetta e L.Bianchini che, fra i tanti meriti, hanno sicuramente quello di aver messo tanti autori “intoccabili” sotto la lente di una reale Ricerca scientifica della storia della Musica.”
(Martina Nappi, musicista)

“Che dire, sono frastornato e affascinato. Il titolo è perfettamente appropriato. Non posso che congratularmi con gli autori per il fantastico, documentato, ciclopico e soprattutto coraggioso lavoro… Dopo la lettura nulla sarà come prima.”
(Giuseppe Dolce, compositore)

“Purtroppo per anni abbiamo creduto al genio Salisburghese come a qualcosa di divino, di inumano. Questo libro riporta Mozart con i piedi per terra, e speriamo che più gente lo legga. Sfatiamo i falsi miti e le bugie dei musicologi e nazionalisti tedeschi … Il libro è bellissimo e cinque stelle sono addirittura poche.”
(Nicola Biondo, un lettore appassionato di musica)

Ora disponibile il secondo volume sugli anni della maturità di Mozart, on line su Amazon, IBS, LaFeltrinelli, Hoepli, Mondadori … e nelle migliori librerie.
(Luca Bianchini, Anna Trombetta, Mozart la caduta degli dei, Parte prima https://www.amazon.it/gp/product/8892602756 Parte seconda https://www.amazon.it/gp/product/8892653393)

Luca Bianchini e Anna Trombetta parlano del loro libro in uscita a maggio

Luca Bianchini e Anna Trombetta parlano del nuovo libro “Mozart La Caduta degli Dei Parte seconda” appena uscito e già disponibile su IBS, La Feltrinelli, Amazon, ordinabile in qualsiasi libreria.

“La biografia Mozart, la caduta degli dei raccoglie i risultati dei nostri studi sulla musica del Settecento e su Mozart, autore venerato da oltre due secoli come un dio. Abbiamo indagato le ragioni di quel culto, sfrondando le molte biografie dai luoghi comuni, come quello del genio di natura. Sino al secolo scorso la tendenza era di minimizzare le problematicità, per non turbare l’immagine impressa nella mente del pubblico. Nel nostro lavoro suddiviso in due parti, individuiamo alcuni punti contraddittori della sterminata bibliografia mozartiana, li verifichiamo e li analizziamo. Di ognuna delle quasi 2500 citazioni segnaliamo le fonti, per consentire al lettore la verifica”.

“Mozart, la caduta degli dei – Parte prima (2016) si occupa degli anni di formazione, la Parte seconda (2017) prosegue l’indagine e lo studio sulla vita e le opere del Maestro di Salisburgo, dal suo trasferimento a Vienna sino alla morte”.

Molte sono le novità inedite di questa corposa biografia critica, ad esempio la nuova lettura del Flauto magico e del Requiem.

“Analizziamo i principali lavori di musica da camera, i Duetti, Trii e Quartetti per archi, i Quintetti e i Concerti per violino, e per strumenti a fiato, tutte le Opere teatrali, i Singspiel, e la produzione sacra. Abbiamo trattato ogni argomento secondo la prospettiva storica, seguendo una visione critica. I capitoli descrivono gli ambienti culturali delle principali città dell’Impero, i musicisti e i personaggi che rivestirono un ruolo importante nell’evoluzione artistica del compositore. Vi fanno da cornice i viaggi, i rapporti di Amadé con amici e familiari, con la Massoneria e le consorterie esoteriche degli Illuminati di Baviera e dei Fratelli Asiatici”.

A uno strumento come questo, essenziale per conoscere Mozart, non poteva mancare una riflessione sulla storiografia e sulla ricerca musicologia dell’Ottocento e del Novecento nei Paesi tedeschi e in Italia. Mozart, la caduta degli dei è stato adottato nel secondo corso del Triennio di Storia della Musica all’ISSM Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci” di Siena – Alta Formazione Artistica e Musicale. Gli studenti hanno utilizzato la nuova biografia di Mozart come libro di riferimento.

Il primo volume Mozart, la caduta degli dei è best seller da molti mesi nelle classifiche delle vendite, recensito da musicologi affermati:

“Finalmente possiamo leggere la prima parte del monumentale lavoro di Bianchini e Trombetta. Le sorprese abbondano, ma ogni affermazione, anche la più inaspettata, appare corredata di note sulle fonti. Ne emerge una conoscenza pressoché totale della saggistica in materia, letta nelle varie lingue originali. La biografia di Mozart ha sempre avuto l’aspetto di una favola, e questo lavoro è il più lontano dal leggendario e dall’agiografico che mai sia stato scritto. Alcune ricostruzioni di eventi – come l’esame di padre Martini – sono non soltanto condotte sulle fonti, ma logicamente solide, e seguono i fatti come in una sorta di radiocronaca. I risultati potranno urtare alcune sensibilità, ma d’altra parte il progresso della conoscenza non passa certo per la conferma automatica delle posizioni del passato. Infine, cosa che non dispiace affatto, la prosa è chiara e la lettura gradevole”. (Marcello Piras, musicologo).. 

Chi volesse essere informato sulle ultime novità clicchi qui!

Puglia Live

“… Ma la sorpresa è arrivata alla fine, in cauda venenum, con la presentazione del libro di Luca Bianchini e Anna Trombetta, due musicologi di Sondrio, sollecitati da Detty Bozzi, storica della musica. Con una documentata ricerca contenuta nel libro “Mozart. La caduta degli dei” hanno affermato che Leopold Mozart e suo figlio Amadeus non erano in fondo dei grandi musicisti ma dei millantatori oltre che degli impostori. Il secondo, in particolare, avrebbe primeggiato nell’assemblare il lavoro scopiazzato da altri musicisti meno noti. Inutile dire che il libro dei coniugi Bianchini solleverà un vespaio di polemiche nel mondo della musica, accademico e non. …”
(PugliaLive, articolo di Piero Caringella, Bari, 9 novembre 2016)

Episteme

Rivista EpistemeFedele al proposito di richiamare l’attenzione dei lettori su testi al di fuori della divulgazione mediatica delle case editrici maggiori, ma la cui conoscenza fa davvero crescere in consapevolezza ogni intelletto “indipendente”, Episteme si occupa di un saggio certamente meritevole del più alto apprezzamento, sia per contenuto che per metodo (al termine della lettura si resta viepiù confermati nella persuasione che, nonostante tanti lavori accademici sfornati da un esercito di “professori” specificamente retribuiti, certe “verità ” storiche non siano state neppure sfiorate, e che quindi, attenendosi all’opinione comune, si corre il rischio di “non capire proprio niente”)”