Mottetto K 165 Exsultate, jubilate

Mottetto per soprano e orchestra K 165

Musica: l’autografo è alla Biblioteka Jagiellońska di Cracovia
Luogo: ?
Data: ?

Movimenti: “Exsultate” Allegro in C, “Tu virginum corona” Andante in 3/4, Allegro in 2/4.
Organico: come è scritto sull’autografo: “Violini [2 sistemi], Viole, oboi [ciascuno sul proprio sistema], Corni in fa ut, soprano, Bassi”.
Tonalità: Allegro in fa maggiore, Andante in la maggiore, Allegro in fa maggiore.

Fonti: autografo alla Biblioteka Jagiellońska di Cracovia.

Lettere: c’è un generico riferimento a un mottetto nel poscritto di Wolfgang alla sorella, allegato alla lettera che Leopold Mozart ha scritto da Milano a sua moglie il 16 gennaio 1773.

Lo stato delle fonti

L’autografo che è a Cracovia si trovava in precedenza alla Biblioteca di Stato prussiana di Berlino. Sul primo foglio c’è il titolo: “Motetto Composto in Milano nel Giannai0 1773. Sigr: Cavaliere Amadeo Wolfgango Mozart Accademico di Bologna e di Verona”.
Sono 21 fogli in formato orizzontale per un totale di 41 pagine e 10 pentagrammi per pagina.

Una copia dello spartito del 1860 circa è in possesso dell’ex Biblioteca di Stato prussiana di Berlino con segnatura Mus. ms. 15 113. Proviene dal fondo di Otto Jahn. Ci sono 22 pagine in formato verticale 33 x 26 cm. con rigatura di 15 pentagrammi. A pagina 1 c’è il titolo: “Mottetto composto da A.W. Mozart. Giannaio 1773”. Otto Jahn ha aggiunto “In Milano”. La musica è copiata dall’autografo che è a Cracovia.

Il catalogo Köchel

Catalogo Köchel, Mottetto K 165

I Mozart a Milano

L’unico accenno a un mottetto è scritto nella lettera del 16 gennaio 1773. Wolfgang scrive da Milano alla sorella giocando con le parole: “Ho per il primo homo dovuto mottetto fare che domani presso Teatinern prodotto sarà. Statemi bene io vi prego. Addio. addio” (BD I 279).
Wolfgang intendeva parlare probabilmente del castrato Venanzio Rauzzini, che impersonò il ruolo di Cecilio nel Lucio Silla K 135. Il mottetto K 165, se è quello a cui Wolfgang fa riferimento nella lettera, fu forse eseguito nel convento dell’ordine dei Teatini il 17 gennaio 1773.

Un’intestazione dubbia

Di che mottetto si tratti non si sa. Che sia il K 165 è solo un’ipotesi. Nell’autografo c’è il nome di Mozart ma la grafia è dubbia, e non sembra la sua. Pure il titolo con data e luogo sembrano non suoi ma aggiunti in un secondo momento a destra del foglio.

K 165. Si nota il titolo Motetto e a destra il luogo, la data e “di propria mano”

Che la musica sia stata composta a Milano, l’ha stabilito chi ritiene autentica l’intestazione del manoscritto riportata nell’immagine qui sopra.

Mani diverse

Nell’ultima parte del pezzo manca una parte essenziale e qualcuno l’ha aggiunta. Si nota la mano e la tinta differenti che riempiono un vuoto di otto misure.

Alcune battute sono incomplete e qualcuno le ha integrate.

Le indicazioni di Tempo sono state tralasciate e anche l’Allegro iniziale è stato aggiunto qui in rosso da mano ignota.

“Allegro aggiunto” da mano estranea

L’edizione critica NMA non segnala affatto che a scriverlo non è Mozart.

Titoli, numeri del basso ed altre stranezze

Mancano le indicazioni di Tempo e anche il titolo “Recitativo” mentre la numerica del basso è aggiunta successivamente con altro inchiostro. Che sia un organo ad accompagnare non è altrimenti specificato, essendoci all’inizio solo l’indicazione dei “Bassi”.

Una bella copia

Si tratta comunque non di fogli di lavoro, ma di una bella copia. Mozart ha inserito anche i custos (le indicazioni precauzionali della prima nota che segue) in un modo davvero singolare. Ogni tanto li mette e ogni tanto li tralascia, secondo un criterio casuale. In un manoscritto sul quale un autore sta componendo della musica, di solito non c’è ragione di segnare i custos. Tutto è troppo ordinato per essere stato composto il 16 gennaio a Milano. Questo manoscritto non è certo la prima stesura, e dell’originale da cui fu tratto non si sa più nulla.

Custos posti tra la pagina di sinistra e quella di destra e quasi mai nelle voltate.

NMA corregge

Ci sono alcuni errori che NMA, l’edizione critica delle opere di Mozart, ha corretto. Ad esempio qui si vede a sinistra l’originale della sezione “Tu virginum corona” e a destra come l’interpreta NMA.

Padre e figlio collaborano?

La K 165 potrebbe essere di Mozart, o del padre, o una creazione nata dalla collaborazione tra padre e figlio messa poi in bella, come capita spesso per i lavori mozartiani di quel tempo. Non c’è modo di capire attraverso lo stile se non sia forse di qualche altro autore. I Movimenti sono eterogenei, soprattutto l’Allelujia finale rispetto al resto. Mozart nel corso della sua carriera ha scritto solo quattro mottetti. I primi due sono dubbi: “God is our refuge” K 20 è presumibilmente copiato chissà da dove, e il K 143 “Ergo interest” impropriamente definito mottetto è con tutta probabilità spurio.

Rimane questo K 165 messo in bella, che ha più un carattere operistico che da chiesa, e molto più in là nel tempo c’è solo l’Ave verum corpus K 618. Tra gli ultimi due mottetti, dal 1773 al 1791, erano trascorsi ben 18 anni!



Bibliografia di riferimento

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei Parte prima

Editore: Youcanprint
Pagine: 458, Brossura
ISBN: 978-8892602755
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte prima

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei – Parte seconda

Editore: Youcanprint
Pagine: 490, Brossura
ISBN: 978-8892653399
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte seconda

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart La costruzione di un genio
Editore: Youcanprint
Pagine: 146, Brossura
ISBN: 978-8831632010
(continua…)

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart Il flauto magico
Editore: Youcanprint
Pagine: 318, Brossura
ISBN: 978-88-27826-52-2
(continua…)

Mozart Il flautro magico

Sitografia

Mozart Il flauto magico
www.mozartilflautomagico.it

Mozart La caduta degli dei
www.mozartlacadutadeglidei.it
www.mozartlacadutadeglidei.com

italianOpera
www.italianopera.org
www.italianopera.it

Summary
K 165 Mottetto Exsultate, jubilate
Article Name
K 165 Mottetto Exsultate, jubilate
Description
Mozart quando compone dicono avesse già tutto nella mente, e che dovesse buttarlo solo giù sulla carta. Ma questo mottetto K 165 è una bella copia, non sono i fogli di lavoro
Author
Publisher Name
italianOpera
Publisher Logo

Lascia un commento