An Die Freude

Italiano | English 


Köchel

An die Freude
Catalogo Köchel, k 53, ‘An die Freude’

An die Freude

‘An die Freude’ (Alla gioia), Canzone per voce con accompagnamento di cembalo
Testo di Johann Peter Uz (1720-1796)
K 53 (K6 43b); Wsf 1/64; Serie Ama VII/1, n. 2


Luogo & Data

Il luogo di composizione è sconosciuto;
è stata forse scritta prima del 1768.


Spartito della K 53, ‘An die Freude’

Lieder und Kanons, Bd.1, No.2 (pp.2-3);
Leipzig: Breitkopf & Härtel, 1877. Plate W.A.M. 53.

K 53 ‘An Die Freude’ pdf icon
( 176 Kb)


Video


Fonti

Non c’è autografo.

La canzone ‘An die Freude’ è stata stampato per la prima volta da Rudolph Gräffer a Vienna, 1768: Neue / Sammlung / 214141 / Vergnügen / und / Unterricht / volume 4 / Vienna / presso Rudolph Gräffer / 1768, ed. di Christian Gottlieb Stephanie.


Descrizione

Questa canzone è particolare nella produzione mozartiana. Wolfgang l’avrebbe scritta probabilmente nel 1767, all’età di 13 anni. Ma i pezzi di quel tempo non ci somigliano. Anzi è probabile che a scriverla sia stata il padre Leopold, o che almeno l’abbiano composta a quattro mani, lui e il figlio.

Tredici canzoni di Mozart sono state stampate durante la sua vita, a eccezione delle KV 476, 520, 530 e 531. Queste pubblicazioni a stampa, per quanto riguarda la questione dell’autenticità, sono particolarmente inaffidabili.

Di queste canzoni, nove sono state pubblicate da Artaria, ma sono molto più tarde di questa: Das Veilchen KV 476 Das Lied der Trennung [La canzone d’addio] KV 519, Abendempfindung an Laura KV 523, An Chloe, Ignaz Alberti (Sehnsucht nach dem Frühlinge [Voglia di primavera] KV 596, Der Frühling [Primavera] KV 597, Das Kinderspiel [Gioco di bambini] KV 598 e Laurenz Lausch (Als Luise die Briefe ihres ungetreuen Liebhabers verbrannte KV 520 e Das Traumbild KV 530.

Le restanti quattro canzoni apparvero in periodici: An die Freude [To joy] KV 53, Die kleine Spinnerin KV 531, Lied beim Auszug in das Feld [Canzone durante la marcia verso il campo di battaglia] KV 552 e un Almanacco (Lied der Freiheit [ Canzone della libertà] KV 506.

Un’altra canzone stampata mentre Mozart era vivo, “Daphne, deine Rosenwangen” [Daphne, le tue guance rosee] KV 52 (46c), che avrebbe scritto da piccolo, non è di Mozart.


An die Freude, stampa
K 53 stampata per la prima volta da Rudolph Gräffer in Vienna, 1768.

Bibliografia

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei – Parte prima

Lingua: italiano
Pagine: 458, Brossura
ISBN: 978-8892602755

Immagine di Wolfgang Amadeus Mozart

K 53 ‘An Die Freude’

Italiano | English 


Köchel

Catalogo Köchel, k 53, ‘An die Freude’

Title

‘To Joy’ Song for a voice with harpsichord accompaniment
Text by Johann Peter Uz (1720-1796)
K 53 (K6 43b); Wsf 1/64; Ama series VII/1, No. 2

‘Alla gioia’ Canzone per voce con accompagnamento di cembalo
Testo di Johann Peter Uz (1720-1796)
K 53 (K6 43b); Wsf 1/64; Serie Ama VII/1, n. 2


Place & date

the place of composition is unknown;
il luogo di composizione è sconosciuto.

1768?


Sheet Music

Lieder und Kanons, Bd.1, No.2 (pp.2-3);
Leipzig: Breitkopf & Härtel, 1877. Plate W.A.M. 53.

K 53 ‘An Die Freude’ pdf icon
( 176 Kb)


Video


Sources (fonti)

There is no autograph.
Non c’è autografo.

First printed by Rudolph Gräffer in Vienna, 1768: Neue / Sammlung / 214141 / Vergnügen / und / Unterricht / volume 4 / Vienna / by Rudolph Gräffer / 1768, ed. by Christian Gottlieb Stephanie.
Stampato per la prima volta da Rudolph Gräffer a Vienna, 1768: Neue / Sammlung / 214141 / Vergnügen / und / Unterricht / volume 4 / Vienna / presso Rudolph Gräffer / 1768, ed. di Christian Gottlieb Stephanie.


Description

Thirteen Mozart’s songs appeared in print during his lifetime. With the exception of KV 476, 520, 530 and 531. These publications cannot be trusted.

Of these, nine were published by Artaria:
Das Veilchen KV 476 Das Lied der Trennung [The farewell song] KV 519, Abendempfindung an Laura KV 523, An Chloe, Ignaz Alberti (Sehnsucht nach dem Frühlinge [Longing for spring] KV 596, Der Frühling [Spring] KV 597, Das Kinderspiel [Children’s play] KV 598 and Laurenz Lausch (Als Luise die Briefe ihres ungetreuen Liebhabers verbrannte KV 520 and Das Traumbild KV 530.

The remaining four were published in periodicals:
An die Freude [To joy] KV 53, Die kleine Spinnerin KV 531 , Lied beim Auszug in das Feld [Song during the march to the battlefield] KV 552 and an Almanac (Lied der Freiheit [Freedom Song] KV 506.

A song that was printed during Mozart’s lifetime, ‘Daphne, deine Rosenwangen’ [Daphne, your rosy cheeks] KV 52 (46c), now was proven not to be a song by Mozart.

Tredici canzoni di Mozart sono state stampate durante la sua vita, a eccezione delle KV 476, 520, 530 e 531. Queste pubblicazioni a stampa sono inaffidabili.

Di queste canzoni, nove sono state pubblicate da Artaria:
Das Veilchen KV 476 Das Lied der Trennung [La canzone d’addio] KV 519, Abendempfindung an Laura KV 523, An
Chloe, Ignaz Alberti (Sehnsucht nach dem Frühlinge [Voglia di primavera] KV 596, Der Frühling [Primavera] KV 597, Das Kinderspiel [Gioco di bambini] KV 598 e Laurenz Lausch (Als Luise die Briefe ihres ungetreuen Liebhabers verbrannte KV 520 e Das Traumbild KV 530.

Le restanti quattro canzoni apparvero in periodici:
An die Freude [To joy] KV 53, Die kleine Spinnerin KV 531, Lied beim Auszug in das Feld [Canzone durante la marcia verso il campo di battaglia] KV 552 e un Almanacco (Lied der Freiheit [ Canzone della libertà] KV 506.

Una canzone stampata mentre Mozart era vivo, “Daphne, deine Rosenwangen” [Daphne, le tue guance rosee] KV 52 (46c), non è di Mozart.


First printed by Rudolph Gräffer in Vienna, 1768.

Bibliography

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart The Fall of the Gods

– Part 1
Language: English

Pages: 474
ISBN: 978-8831681964

The English translation is finally available!

Mozart The Fall of the Gods is an editorial success that revolutionized the way of thinking about Mozart.

link alla versione italiana: Mozart La caduta degli dei – parte prima)

Bestseller in Italy, subject of study at the University, the book was adopted in the courses of High Music Schools, and discussed in 24 episodes of the Vatican Radio.
It collects the results of the researches on 18th-century music and on Mozart, an author revered as a god for over two centuries. The authors asked themselves the reasons for that cult, and they removed the many clichés from biographies, such as the one of the genius of nature.
Until the last century, the trend was to minimize problems, so as not to disturb the image impressed on the public’s mind. This work, divided into two parts, identifies some contradictory points of the immense Mozartian bibliography, verifies and analyze them.
It reports the sources of each of the almost 2000 citations, to allow the reader to verify them. Mozart The Fall of the Gods – Part 1 is a Copernican revolution that upset the musical world. Now in English!

K 72 (K 74f) Offertory ‘Inter Natos Mulierum’

Sources (Fonti): autograph unknown (autografo sconosciuto).

A:
A copy of the parts are in the possession of the Cathedral Choir Archive in Salzburg. A signature is missing because the music inventory there is still unorganized. It was copied around 1780. Available voices: Canto conc., Canto rip., Alto cone., Alto rip. (Two-fold), Ten. conc., Ten. rip. (two-fold), Basso conc., Basso rip. (two-fold), V. I (two-fold), V. II (two-fold), Trbne. I, II, III, Org., Org. Rip., Fg., Violone, Bassa. A total of 43 sheets. The second copy of Canto rip is missing. Portrait format 31.0: 22.2 cm; with 10 staves.

(Una copia delle parti è in possesso dell’Archivio del Coro della Cattedrale di Salisburgo. Manca una firma perché l’inventario musicale non è ancora organizzato. Fu copiato intorno al 1780. Voci disponibili: Canto conc., Canto rip., Alto cone., Alto rip. (Doppio), Ten. conc., Ten. rip. (duplice), Basso conc., Basso rip. (due volte), V. I (due volte), V. II (due volte), Trbne. I, II, III, Org., Org. Rip., Fag., Violone, Basso. Un totale di 43 fogli. La seconda copia del Canto rip è mancante. Formato verticale 31,0: 22,2 cm; 10 pentagrammi a pagina).

Place: Salzburg?

Date: 1771? (NMA, );

Tonality: G major

Instruments: S, A, T, B, archi, org.

Text:

Pdf:

Kleinere geistliche Gesangwerke, Vol.2, N.18
Leipzig: Breitkopf & Härtel, 1880. Plate W.A.M. 72.

Offertory K 72 ‘Inter Natos Mulierum’ pdf icon
(1.64 Mb)

Late version

Versione tarda


This version is late, dating from around 1780. Probably it was adapted for the occasion, and has been put in a fair copy by professional copyists. In one corner Leopold Mozart wrote that it belongs to his son Wolfgang.

Leopold’s attributions are generally not reliable. In this regard, read the articles published in Mozart the Fall of the Gods (now available in English) and Mozart the Construction of a Genius.

Questa versione è tarda, databile intorno al 1780. Probabilmente è stata riadattata per l’occasione e messa in bella copia da copisti professionisti. In un angolo Leopold Mozart ha scritto che è del figlio Wolfgang.

Le attribuzioni di Leopold non sono in genere attendibili. A questo proposito, leggi gli studi pubblicati in Mozart la Caduta degli dei (ora disponibile in lingua inglese) e Mozart la Costruzione di un genio.

A hardly credible anecdote

Un aneddoto scarsamente credibile

Koechel’s strange anecdote (Lo strano aneddoto di Koechel).

According to the anecdote told by Koechel in the first edition of his catalog, the idea of the composition theme came to Mozart when he was a child. There was a friend of his father in the Benedictine convent and Mozart as soon as he entered the church would sing the melody on the words “Mein Hanserl, liebs Hanserl, liebs Hanserl!”.
Mozart was not a child when he wrote the piece, the music is from about 1780, when Mozart was already over twenty years old, and it is most likely not his.

Secondo un aneddoto raccontato da Koechel nella prima edizione del suo catalogo, l’idea del tema della composizione venne a Mozart quando era un bambino. C’era un Padre suo amico nel convento dei Benedettini e Mozart, appena entrato in chiesa, avrebbe cantato la melodia dell’Offertorio K 72 sulle parole “Mein Hanserl, liebs Hanserl, liebs Hanserl!”.
Ora, Mozart quando ha scritto il pezzo non era un bambino, la musica è del 1780 circa quando Mozart aveva già superato da un pezzo i venti anni, e la musica molto probabilmente non è sua.

Tel-Aviv Soloists Ensemble Collegium Singers Choir Tel-Aviv.

Conclusions

Conclusioni


The offertory K 72 has survived in a late version, probably adapted for a performance in Salzburg around 1780. The copyists have not written that it is Mozart’s music. Perhaps Leopold Mozart wrote on a margin that his son wrote it, but his claims are generally not reliable. As we have shown in our books he often falsified poems, documents, and reported untrue facts, attributing his pieces or music by other composers to his son. The K 72 is no exception. It is not Mozart son who composes it. It is probably the work of his father who attributed it to him. This explains the difference in style and the musical writing, which appears to be much more evolved than that of the Salzburg musical pieces of the 1770s.

L’offertorio K 72 è sopravvissuto in una versione tarda, probabilmente riadattata per l’esecuzione a Salisburgo negli anni 1780. I Copisti non hanno scritto che è musica di Mozart; è forse Leopold Mozart che scrive a margine il nome del figlio, ma le sue attestazioni non sono in genere attendibili. Come abbiamo mostrato nei libri spesso ha falsificato poesie, documenti, e ha riferito fatti non veri, attribuendo pezzi suoi o di altri a Wolfgang. L’Offertorio K 72 non fa eccezione. A comporlo non è Wolfgang Amadé Mozart. Probabilmente è opera del padre che glielo ha attribuito. Ciò spiega la differenza di stile e la scrittura musicale che è molto più evoluta rispetto a quella dei pezzi salisburghesi degli anni 1770.

Bibliography

Bibliografia


Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart The Fall of the Gods

– Part 1
Language: English

Pages: 474
ISBN: 978-8831681964

The English translation is finally available!

Mozart The Fall of the Gods is an editorial success that revolutionized the way of thinking about Mozart.

link alla versione italiana: Mozart La caduta degli dei – parte prima)

Bestseller in Italy, subject of study at the University, the book was adopted in the courses of High Music Schools, and discussed in 24 episodes of the Vatican Radio.
It collects the results of the researches on 18th-century music and on Mozart, an author revered as a god for over two centuries. The authors asked themselves the reasons for that cult, and they removed the many clichés from biographies, such as the one of the genius of nature.
Until the last century, the trend was to minimize problems, so as not to disturb the image impressed on the public’s mind. This work, divided into two parts, identifies some contradictory points of the immense Mozartian bibliography, verifies and analyze them.
It reports the sources of each of the almost 2000 citations, to allow the reader to verify them. Mozart The Fall of the Gods – Part 1 is a Copernican revolution that upset the musical world. Now in English!

Mozart, Salieri e Puškin

Per una nuova lettura del breve dramma Mozart e Salieri di Aleksandr Sergeevič Puškin 

Lo scrittore e librettista Giuseppe Carpani, inorridito per le malelingue che non stavano a freno, aveva provato a far pubblicare a Vienna una lettera in difesa del Maestro Salieri, accusato d’aver avvelenato Mozart, ma non c’era riuscito. Perciò sempre da Vienna, Carpani aveva inviato la stessa lettera alla Biblioteca Italiana che la pubblicò il 10 agosto 1824 con il titolo “Lettera del Sig. G. Carpani in difesa del M° Salieri calunniato dell’avvelenamento del M° Mozzard”.

La paranoia nei confronti dei rivali

Nella loro Storia dell’Opera, Abbate e Parker scrivono che nel dramma di Puškin “il perfido italiano, un compositore di successo ma in ultima analisi mediocre, uccide l’austriaco perché invidioso del suo genio: la paranoia nei confronti dei rivali a Sud delle Alpi non avrebbe potuto essere più chiara di così”. Concordiamo con il fatto che l’atteggiamento antitaliano fosse una paranoia tutta tedesca, che andava di pari passo con l’altra contro i cechi, i francesi, i russi e i boemi. Abbate e Parker traggono però le loro conclusioni da una lettura troppo frettolosa del dramma di Puškin.

art e Salieri - una presunta rivalità

Puškin in realtà prende in giro, alla fine del suo dramma, le dicerie degli sciocchi. L’omicidio di Mozart è una notizia messa in giro ad arte da gente stolta. Così la vede il poeta russo. Né ci si poteva aspettare qualcosa di diverso da un autore d’ingegno com’era lui.

Una diversa chiave di lettura

Per certi critici della letteratura russa, e anche per noi, non è vero che Puškin considera Mozart un genio e Salieri un incapace privo di talento.

Nella Scena seconda del microdramma di Puškin, intitolato Mozart e Salieri, Wolfgang parlando a Salieri afferma che Beaumarchais è “un genio come te e come me”, e che entrambi sono figli dell’armonia. Puškin considera quindi geni tanto Salieri, quanto Mozart.

In realtà nel suo dramma, Salieri e Mozart rappresentano due mondi poetici opposti l’uno all’altro.

Un artista senza predecessori né seguaci

Mozart rappresenta nell’opera del poeta russo l’artista che non ha predecessori né seguaci, che è senza scuola, cui tutto è donato, al quale gli dei dettano la musica. Salieri invece è uno che è diventato famoso con lo studio, con l’applicazione, con il sacrificio.

Salieri e Michelangelo

Puškin, nel suo lavoro, paragona Salieri a Michelangelo Buonarroti, il quale era stato pure calunniato. Dicevano che il sommo artista avesse ammazzato un giovane per poter scolpire dal vero la sua scultura. Ma non era per nulla vero. Esattamente come nel caso di Salieri.

Salieri paragonato a Michelangelo

Secondo alcuni critici della letteratura russa, Salieri ha fatto benissimo a uccidere Mozart nel microdramma di Puškin, perché Salieri e Mozart sono solo dei simboli. Non c’è un fatto cruento. Quei due non sono personaggi in carne ed ossa.

Per Puškin l’uomo è homo faber e quello che fa è frutto della sua libera scelta. I frutti delle sue azioni sono meritati, non un dono gratuito elargito dagli dei. Puškin preferisce Salieri che s’è fatto da sé a Mozart che non ha dovuto fare nessuno sforzo per comporre la sua musica. In quel periodo romantico imperversava ancora il mito del genio di natura, e Puškin lo rinnega al punto da uccidere il suo personaggio di Mozart.

L’artista vero non può essere per Puškin un dio come si diceva per Mozart. Nel suo lavoro il poeta russo presenta il Salisburghese come un perdigiorno, uno che non si rende conto di quello che scrive. Salieri invece è paragonabile a Prometeo che ruba il fuoco agli dei. Li sfida per creare cose autonome, meritate, e non gratuite.

E se Puškin fosse Mozart e insieme Salieri?

Puškin uccide in Mozart un aspetto della sua poetica che probabilmente non lo soddisfaceva più. I tedeschi hanno interpretato il microdramma nell’unico modo pro domo sua, dicendo che Salieri è un assassino e Mozart un eroe. Ma non si deve dimenticare che Puškin considera geni tanto Salieri, quanto Mozart. L’Italiano infatti si appella a Dio, dichiarandosi grande né più né meno del suo maestro Gluck, il quale pure è un grande.

Il senso del microdramma Mozart e Salieri cambia completamente, a seconda che a leggerlo siano gli adoratori di un dio, chiamato Mozart, o una mente libera come quella di un poeta. La cosa strana è che nessuno in Italia, tranne noi per quel che ci risulta, abbia mai considerato il microdramma in questo modo.

Oltre il senso letterale

Il libro di Puskin l’abbiamo letto più volte. Nessuno ovviamente ha le certezze in tasca, e un’opera si può interpretare in senso letterale, oppure cercando altri piani di lettura. Noi non ci vediamo tutto quell’odio per Salieri. Puškin non conosceva Mozart, né l’aveva mai visto, perché quando è nato lui, Mozart non c’era più. Salieri non lo conosceva personalmente, da quel che ne sappiamo, ma la sua musica l’aveva bene presente.

Un’opera di Salieri sulla gelosia

Nel suo microdramma Puškin parla del Tarare che è un’opera sulla gelosia, e quell’opera è scritta da Salieri. Se Puškin sa fare questi rimandi vuol dire che Salieri l’aveva ben presente come musicista. E se lo conosceva tanto approfonditamente, noi pensiamo lo stimasse.

Egli ricordava perfettamente la storia di Beaumarchais, librettista del Tarare, che fu calunniato e anche lui accusato d’essere un assassino.

Di dominio pubblico in Russia c’era anche quella lettera che Carpani scrisse in difesa di Salieri, che abbiamo citato all’inizio. Alcuni contenuti di quella lettera sono finiti nel microdramma di Puškin, e questa è un’altra delle ragioni per le quali ci convince l’idea che Puškin amasse la musica di Salieri.

La poetica di Puškin

Uno può leggere un lavoro letterario come vuole. Nel caso del poeta russo certa critica l’interpreta esattamente come i mozartiani, un’altra invece ci vede Salieri come un genio. Leggendo il testo, a noi convince questa seconda interpretazione.

Mozart e Salieri di Puškin, qui ritratto

Conosciamo e amiamo le poesie di Puskin. Era una persona molto colta. I suoi versi comunicano gioia di vivere, malinconia, tutte le sfumature dell’animo. Anche solo immaginare Puskin che sostiene un’orribile diceria suona assai strano. Non era così meschino da accanirsi impietosamente contro un calunniato.

Conclusioni

Per questo siamo andati a fondo, abbiamo letto il testo di Mozart e Salieri di Puškin, e poi Carpani, e i saggi di critica letteraria russa. Per approfondire l’argomento e la nuova chiave di lettura, qui solo accennata, ti invitiamo a leggere il capitolo sul microdramma di Puškin nel libro Mozart la caduta degli dei Parte prima.

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart The Fall of the Gods

– Part 1
Language: English

Pages: 474
ISBN: 978-8831681964

The English translation is finally available!

Mozart The Fall of the Gods is an editorial success that revolutionized the way of thinking about Mozart.

link alla versione italiana: Mozart La caduta degli dei – parte prima)

Bestseller in Italy, subject of study at the University, the book was adopted in the courses of High Music Schools, and discussed in 24 episodes of the Vatican Radio.
It collects the results of the researches on 18th-century music and on Mozart, an author revered as a god for over two centuries. The authors asked themselves the reasons for that cult, and they removed the many clichés from biographies, such as the one of the genius of nature.
Until the last century, the trend was to minimize problems, so as not to disturb the image impressed on the public’s mind. This work, divided into two parts, identifies some contradictory points of the immense Mozartian bibliography, verifies and analyze them.
It reports the sources of each of the almost 2000 citations, to allow the reader to verify them. Mozart The Fall of the Gods – Part 1 is a Copernican revolution that upset the musical world. Now in English!

RADIO VATICANA (8)

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
RADIO VATICANA (8)
#MozartLaCadutaDegliDeiARadioVaticana
 
Domenica prossima 16 dicembre 2018, on line la nuova puntata del programma L’Arpeggio di Luigi Picardi su Radio Vaticana dedicata al libro Mozart la Caduta degli dei – Parte seconda. Continueremo a parlare dei QUARTETTI DI MOZART.
 
Per approfondire gli argomenti i due volumi sono già disponibili on-line e presso le migliori librerie http://www.italianopera.org/libri-per-conoscere-mozart/
 
Trasmissione “l’Arpeggio” di Luigi Picardi (In onda tutti i giorni alle ore 23, con replica il giorno successivo alle 5 di mattina)
Per sintonizzarsi su Radio Vaticana Italia:
– Sito web di Radio Vaticana Italia (it.radiovaticana.va) in streaming su Web channel RV 5
– DAB+ Radio Vaticana Italia
– FM 103.8 (Roma) e FM 105 (Roma e Provincia)
– in TV sul canale 733 del Digitale Terrestre Televisivo in tutta Italia
– Tramite la App “Simple Radio” è possibile ascoltare RV Italia anche attraverso smartphone selezionando RV5.
 
Se vi siete persi le altre puntate, quelle precedenti sono ancora disponibili sul canale youtube https://www.youtube.com/user/johsimful/playlists
 

le opere sacchiniane di Mozart

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
#CremonaMusica2018
#MozartLaCadutaDegliDei

Cambini non è l’unico autore di quartetti molto noto ai tempi, ce ne erano altri, penso ad esempio Antonio Sacchini.

I suoi quartetti dell’Opera 2 sono quanto di più mozartiano si possa immaginare, anzi sarebbe più giusto dire che le opere di Mozart sono sacchiniane, perché i lavori dell’italiano risalgono agli anni 1760, ma vennero pubblicati molto più tardi, a partire dal 1772.

Libri per conoscere Mozart

A Londra l’arte di Sacchini conquisterà un successo di pubblico e una voga editoriale senza precedenti. Il suo modo di scrivere è molto avanzato, anche paragonato ai quartetti viennesi di Mozart, scritti presumibilmente nel 1773. Quando Mozart è nato nel 1756 Antonio Sacchini aveva già 25 anni, ed era nel pieno della sua maturità artistica.

RADIO VATICANA (7) on line il video

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
RADIO VATICANA (7)
#MozartLaCadutaDegliDeiARadioVaticana
Oggi, domenica 9 dicembre 2018, on line la nuova puntata del programma L’Arpeggio di Luigi Picardi su Radio Vaticana dedicata al libro Mozart la Caduta degli dei – Parte seconda. Parleremo dei QUARTETTI DI MOZART.
 
Per approfondire gli argomenti i due volumi sono già disponibili on-line e presso le migliori librerie http://www.italianopera.org/libri-per-conoscere-mozart/
 
Trasmissione “l’Arpeggio” di Luigi Picardi (In onda tutti i giorni alle ore 23, con replica il giorno successivo alle 5 di mattina)
Per sintonizzarsi su Radio Vaticana Italia:
– Sito web di Radio Vaticana Italia (it.radiovaticana.va) in streaming su Web channel RV 5
– DAB+ Radio Vaticana Italia
– FM 103.8 (Roma) e FM 105 (Roma e Provincia)
– in TV sul canale 733 del Digitale Terrestre Televisivo in tutta Italia
– Tramite la App “Simple Radio” è possibile ascoltare RV Italia anche attraverso smartphone selezionando RV5.
 
Se vi siete persi le altre puntate, quelle precedenti sono ancora disponibili sul canale youtube https://www.youtube.com/user/johsimful/playlists
 
 

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI RADIO VATICANA (7)

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
RADIO VATICANA (7)
#MozartLaCadutaDegliDeiARadioVaticana
 
La prossima domenica, 9 dicembre 2018, on line la nuova puntata del programma L’Arpeggio di Luigi Picardi su Radio Vaticana dedicata al libro Mozart la Caduta degli dei – Parte seconda. Parleremo ovviamente ancora di Mozart.
 
Non perdetevela sul canale youtube https://www.youtube.com/user/johsimful/playlists
 
Per approfondire gli argomenti i due volumi sono già disponibili on-line e presso le migliori librerie http://www.italianopera.org/libri-per-conoscere-mozart/
 
Trasmissione “l’Arpeggio” di Luigi Picardi (In onda tutti i giorni alle ore 23, con replica il giorno successivo alle 5 di mattina)
Per sintonizzarsi su Radio Vaticana Italia:
– Sito web di Radio Vaticana Italia (it.radiovaticana.va) in streaming su Web channel RV 5
– DAB+ Radio Vaticana Italia
– FM 103.8 (Roma) e FM 105 (Roma e Provincia)
– in TV sul canale 733 del Digitale Terrestre Televisivo in tutta Italia
– Tramite la App “Simple Radio” è possibile ascoltare RV Italia anche attraverso smartphone selezionando RV5.
 

EVENTO CREMONA MUSICA 2018 (6)

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
EVENTO CREMONA MUSICA 2018 (5)
#MozartLaCadutaDegliDei

I Quartetti di Mozart cosiddetti milanesi catalogati dal K.155 al K.160 non hanno una strumentazione ben definita. Sono quartetti divertimento perché destinati a organici variabili.

Il quartetto italiano deriva dal concerto solistico e quello tedesco invece dal divertimento, cioè da musica che oggi definiremmo leggera, di intrattenimento e che non aveva grandi pretese espressive. I Quartetti milanesi sono in bella copia, scritta a più mani e come al solito papà Leopold interviene a organizzare, sistemare. Sarebbero stati scritti durante l’ultimo viaggio in Italia dei Mozart, tra il 1772 e il 1773. Sono chiamati milanesi ma non rispecchiano lo stile italiano.

Nello stesso periodo ci sono quartetti ben più significativi, ad esempio quelli di Giuseppe Cambini, autore attivo a Parigi, che ha scritto circa 160 quartetti.

EVENTO CREMONA MUSICA 2018 (5)

MOZART LA CADUTA DEGLI DEI
EVENTO CREMONA MUSICA 2018 (5)

#MozartLaCadutaDegliDei

Cosa ha di ‘speciale’ il QUARTETTO K.80 detto di LODI?

Quello di Lodi ha di speciale che non è certo sia stato scritto a Lodi, non è stato composto in una sera come si racconta, l’autografo non è conservato. A comporlo ci ha messo mano anche il padre. Infatti è un lavoro debole, completato alcuni anni più tardi, in uno stile molto più vecchio rispetto a quello d’avanguardia che praticavano i musicisti italiani in Europa nel 1770.

Luca Bianchini, Anna Trombetta

http://www.italianopera.org/libri-per-conoscere-mozart/