Leopold, lettera del 16 giugno 1770

di Leopold Mozart da Napoli alla moglie a Salisburgo
(BD I, 191)

Di seguito è riportata in caratteri blu la lettera di Leopold Mozart da Napoli alla moglie a Salisburgo del 16 giugno 1770, come è stata pubblicata in Wilhelm A. Bauer e Otto Erich Deutsch, Mozart Briefe und Aufzeichnungen.

Tra parentesi quadre sono le parti aggiunte, le quali comprendono i titoli, le segnalazioni, e i chiarimenti circa i termini. In coda alla lettera ci sono i nostri commenti e gli interventi dei lettori. Il testo originale in italiano è evidenziato in giallo, i nomi propri come li ha scritti Leopold in blu.

Segue il link alla medesima lettera del 16 giugno 1770 pubblicata nella biografia di Mozart del 1828 attribuita a Nissen. Lì si segnalano i tagli e le modifiche arbitrarie apportate da Constanze e dai suoi collaboratori.

Luca Bianchini, Anna Trombetta


[LEOPOLD MOZART A SUA MOGLIE A SALISBURGO]

Madame! Napoli, 16 giugno 1770.
Davvero non dovresti e non devi proprio sorprenderti se a volte non ti arrivano le lettere per lungo tempo; perché sai per esperienza che non sempre possiamo scrivere quando vogliamo, e che le lettere impiegano 14 giorni per arrivare da Salisburgo a Napoli. Intanto dovresti avere ricevuto 6 lettere da Napoli, e questa è la settima. A questa non devi più rispondere, fino a che non ti dica nuovamente dove inviare le lettere. Pensavamo di partire il 20; ma lo faremo solo il 23 o il 24, perché Sua Eccellenza il conte Kaunitz non sarà pronto prima di allora. Diventerà governatore della Moravia al posto di Sua Eccellenza il conte von Schrattenbach. Ora siamo impegnati a visitare di tutto. Il 13, giorno di Sant’Antonio, non avresti pensato di trovarci al mare. Alle 5 di mattina ci siamo andati in carrozza a Pozzolo [Pozzuoli; MM corregge senza segnalare], dove siamo giunti prima delle 7 e ci imbarcammo per dirigerci verso Baja; qui abbiamo visto i bagni di Nerone, le grotte sotterranee della Sibilla cumana, il Lago d’Averno, il Tempio di Venere, Tempio di Diana, il Sepolchro d’agripina, i campi flegrei o Campi elisi, il Mare Morto, ove era barcaiolo Caronte, la piscina mirabile, e le Cente Camerelle ecc., sulla via del ritorno abbiamo visto molti bagni antichi, templi, stanze sotterranee ecc., il monte nuovo, il monte gauro, il molo di Pozzoli, il Colißeo, la Solfatara, l’Astroni, la grotta del Cane e il Lago di Agnano ecc., ma soprattutto la grotta di Pozzuoli e la tomba di Virgilio. La grotta di Pozzuoli è come la nostra Porta nuova; solo che ci abbiamo messo 8 minuti a percorrerla perché è lunga 344 canne. Oggi a mezzogiorno siamo stati a mangiare dai Certosini di San Martino sulla collina e dopo pranzo abbiamo visto tutte le curiosità e i tesori di questo luogo, e abbiamo ammirato il panorama. Lunedì e martedì ecc. osserveremo il Vesuvio un po’ più da vicino, vedremo Pompea [Pompei; MM corregge senza segnalare] ed Ercolano, le città in cui sono in corso gli scavi, dove ammireremo le rarità che sono già state trovate, visiteremo Caserta ecc. e Capo di Monte [Capodimonte; MM corregge senza segnalare] ecc., tutte cose che costano denaro. Il tempo stringe, la posta sta per partire e io devo ancora scrivere qualche parola al signor Marcabruni.
I miei saluti a tutti i buoni amici e alle amiche ecc. Baciamo te e la Nannerl 1000 volte e io sono il vecchio Mozart.

Per vedere tutte queste rarità bisogna sempre aver una fiaccola con sé, perché parecchie stanno sotto terra. Io e il Wolfgang eravamo da soli con il nostro domestico, c`erano 6 marinai e il Cicerone, che non hanno potuto nascondere la meraviglia nel vedere il Wolfgang, e i 2 vecchi marinai con la barba grigia hanno detto di non aver mai visto in quei luoghi un ragazzo così giovane, che fosse giunto fin lì per vedere le antichità.

[AGGIUNTA DI MOZART]

Anch`io sono ancora vivo, e sempre di buon umore come al solito, e viaggio volentieri: ora sono stato persino sul mar Merditerraneo [“auf dem Merditeranischen meere”]. Bacio la mano alla mama, e la nanerl [Nannerl; MM corregge senza segnalare] la bacio 1000 volte, e sono

il figlio stefel [MM corregge in Steffel senza segnalare] e il fratello hans [due personaggi sempliciotti della commedia tedesca]

Confronto con la versione di Nissen

Lettera di Leopold del 16 giugno 1770 immagine di un lucchettopubblicata nel 1828 a nome di Georg Nikolaus Nissen.


Bibliografia

trascrizione diplomatica della lettera
al Mozarteum di Salisburgo;
Luca Bianchini, Anna Trombetta, “Le lettere”, Mozart la caduta degli dei;
Mozart Briefe di Kurt Westphal (in tedesco);

Mitridate re di Ponto

Mozart, K 87 (74a)

Musica: La musica del Mitridate re di Ponto non è autografa. L’edizione critica di NMA mischia assieme le versioni di varie copie, adottando di volta in volta quella che più le conviene.
Libretto: Vittorio Amedeo Cigna (o Cigna-Santi).
Luogo: Teatro Regio Ducale di Milano.
Data: 26 dicembre 1770.

Atti: 3.

Personaggi:
Mitridate, Re di Ponto e d’altri regni amante d’Aspasia (tenore);
Aspasia, promessa sposa di Mitridate e già dichiarata Regina (soprano);
Sifare, figlio di Mitridate e di Stratonica amante d’Aspasia (soprano);
Farnace, primo figlio di Mitridate amante della medesima (contralto);
Ismene, figlia del Re de’ Parti e amante di Farnace (soprano);
Marzio, tribuno romano amico di Farnace (tenore);
Arbate, governatore di Ninfea (soprano).

Fonti:
il libretto è tratto dal Mithridate (1673) di Jean-Baptiste Racine. L’autografo della musica è sconosciuto.

Musica

Atto primo
Scena I
Recitativo “Vieni, Signor”
Scena II
Recitativo “Se a me s’unisce Arbate”
N. 1 Aria “Al destin che la minaccia” immagine di un lucchetto(Aspasia)
Scena III
Recitativo accompagnato “Qual tumulto nell’alma”
N. 2 Aria “Soffre il mio cor con pace” (Sifare)
Scena IV-VI
Recitativo “Sin a quando, o Regina”
N. 3 Aria “L’odio nel cor frenate” (Arbate)
Scena VII
Recitativo “Principe, che facemmo!”
N. 4 Aria “Nel sen mi palpita” (Aspasia)
Scena VIII
Recitativo “Un tale addio, germano”
N. 5 Aria “Parto: nel gran cimento” (Sifare)
Scena IX
Recitativo “Eccovi in un momento”
N. 6 Aria “Venga pur, minacci e frema” (Farnace)
Scena X
N. 7 Marcia
N. 8 Cavata “Se di lauri crine adorno” immagine di un lucchetto[p.5](Mitridate)
Recitativo “Tu mi rivedi, Arbate”
Scena XI
Recitativo “Su la temuta destra mentre l’un figlio”
N. 9 Aria “In faccia all’oggetto” immagine di un lucchetto(Ismene)
Scena XII
Recitativo “Teme Ismene a ragion”
Scena XIII
Recitativo accompagnato “Respira alfin”
N. 10 Aria “Quel ribelle e quell’ingrato” (Mitridate)

Atto secondo
Scena I
Recitativo “Questo è l’amor, Farnace”
N. 11 Aria “Va, l’error mio palesa” (Farnace)
Scena II
Recitativo “Perfido, ascolta”
Scena III
Recitativo “Eccomi a’cenni tuoi” [p.6]
Scena IV
Recitativo “Respiro, oh Dei!”
N. 12 Aria “Tu che fedel mi sei” (Mitridate)
Scena V
Recitativo “Che dirò? Che ascoltai?”
Scena VI
Recitativo “Alla tua fede il padre, Sifare”
Scena VII
Recitativo “Oh giorno di dolore!”
Recitative accompagnato “Non più, Regina, oh Dio!” [p.6]
N. 13 Aria “Lungi da te, mio bene” (Sifare)
Scena VIII
Recitativo accompagnato “Grazie ai numi parti” [p.6]
N. 14 Aria “Nel grave tormento” (Aspasia)
Scena IX
Recitativo “Qui, dove la vendetta”
Scena X
Recitativo “Sedete, o Prenci, e m’ascoltate”
Recitativo “Signor, son io”
Scena XII
Recitativo “Inclita Ismene”
N. 15 Aria “So quanto a te dispiace” (Ismene)
Scena XIII
Recitativo “Ah giacché son tradito”
N. 16 Aria “Son reo; l’error confesso” (Farnace)
Scane XIV
Recitativo “E crederai, Signor”
N. 17 Aria “Già di pietà mi spoglio” (Mitridate)
Scena XV
Recitativo “Sifare, per pietà stringi l’acciaro”
Recitativo accompagnato “Io sposa di quel mostro”
N. 18 Duetto “Se viver non degg’io” (Aspasia, Sifare)

Atto terzo
Scena I
Recitativo “Pera omai chi m’oltraggia”
N. 19 Aria “Tu sai per chi m’accese” (Ismene)
Scena II
Recitativo “Re crudel, Re spietato”
Recitativo “Mio Re, t’affretta”
N. 20 Aria “Vado incontro al fato estremo” (Mitridate)
Scena IV
Recitativo “Lagrime intempestive”
N. 21 Recitativo accompagnato e Cavatina “Ah ben ne fui presaga! – Pallid’ombre, che scorgete” (Aspasia)
Scena V
Recitativo “Che fai, Regina?”
Scena VI
Recitativo “Che mi val questa vita”
N. 22 Aria “Se il rigor d’ingrata sorte” (Sifare)
Scena VII
Recitativo “Sorte crudel, stelle inimiche”
Scena VIII
Recitativo “Teco i patti, Farnace”
N. 23 Aria “Se di regnar sei vago” (Marzio)
Scena IX
Recitativo accompagnato “Vadesi… Oh ciel” [p.7]
N. 24 Aria “Già dagli occhi il velo è tolto” (Farnace)
Scena X
Recitativo “Figlio, amico, non più”
Scena XI
Recitativo “Ah vieni, oh dolce dell’amor mio” [p.7]
Scena XII
Recitativo “Reo non si chiami” [p.7]
N. 25 Coro “Non si ceda Campidoglio” [p.7](Aspasia, Sifare, Ismene, Arbate, Farnace)


Le puntate monografiche dedicate a Mozart la caduta degli dei Parte prima, Mozart la caduta degli dei – Parte seconda, Mozart Il flauto magico, trasmesse da Radio Vaticana, riguardano le opere che Wolfgang Amadeus Mozart ha scritto dalla sua infanzia sino al Requiem, comprese tutte le prime composizioni, ad esempio il Quaderno londinese o la sinfonia K 16. A quelle musiche sono dedicati interi capitoli, che fanno capire cosa e come Mozart realmente scrivesse.


Bibliografia di riferimento

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei Parte prima

Editore: Youcanprint
Pagine: 458, Brossura
ISBN: 978-8892602755
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte prima

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei – Parte seconda

Editore: Youcanprint
Pagine: 490, Brossura
ISBN: 978-8892653399
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte seconda

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart La costruzione di un genio
Editore: Youcanprint
Pagine: 146, Brossura
ISBN: 978-8831632010
(continua…)

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart Il flauto magico
Editore: Youcanprint
Pagine: 318, Brossura
ISBN: 978-88-27826-52-2
(continua…)

Mozart Il flautro magico

Sitografia

Mozart Il flauto magico
www.mozartilflautomagico.it

Mozart La caduta degli dei
www.mozartlacadutadeglidei.it
www.mozartlacadutadeglidei.com

italianOpera
www.italianopera.org
www.italianopera.it