K 268, Salvate il concerto Mozart

Concerto per violino e orchestra K 268

articolo sul concerto K 268
di Luca Bianchini e Anna Trombetta

Musica: manca l’autografo
Luogo: ?
Data: ?

Movimenti: Allegro moderato in C tagliato, Un poco adagio in 3/4, Rondò: Allegretto in 2/4
Organico: flauto, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni in mib, violino principale, violini I e II, viola, violoncello e contrabbasso.
Tonalità: Allegro moderato in mib, Un poco adagio in sib, Rondò: Allegretto in 2/4 in mib .

Fonti: L’autografo del concerto per violino K 268 è sconosciuto.
Lettere: Il K 268 non è citato in nessuna lettera.

La storia travagliata del Concerto K 268

Il Concerto n.6 in mi bemolle K.268 ha avuto una storia travagliata per il solo fatto d’essere brutto. Alcuni lo dicono vero, altri fasullo, taluni autentico ma solo in parte. Non ci sarebbero particolari ragioni per distinguerlo dagli altri Concerti per violino che Mozart ha scritto, ma nonostante questo la musica del K 268 è finita tra i pezzi spuri del catalogo K6. Nessuno lo vuole!

A chi l’appioppiamo?

Ad ascoltarlo, ci si accorge che contiene parecchie inesattezze e ingenuità musicali. Proprio per questa ragione non lo si volle considerare di Mozart, e così gli “esperti” cercarono qualcuno cui attribuirne la paternità. C’è chi disse l’avesse composto Johann Friedrich Eck, anche se non c’è uno straccio di evidenza a provarlo. Nonostante tutti gli sforzi, non s’è trovato un Concerto di costui simile al K 268, perché sono tutti più belli! E allora, che fare?

Il dramma del K 268

La storia del K.268 è drammatica. Se la musica è di Mozart, com’è possibile che il sesto concerto per violino e orchestra K 268 sia così diverso dai primi cinque. Gli altri concerti per violino allora chi li ha scritti?

Abbandonato da tutti

Può capitare che le attribuzioni mozartiane siano falsate da pregiudizio. Il K 268 lo conferma. L’editore André lo pubblicò per primo in Offenbach nel 1799 come Concerto per violino e pianoforte di Wolfgang Amadeus Mozart. Sull’Allgemeine Musikalische Zeitung uscì subito un articolo che lo definiva apocrifo, frutto d’impostura, contenendo “le offese più elementari alle regole di composizione”. S’erano accorti che le note procedevano in modo piuttosto sgangherato, e Mozart, per questione di principio, non poteva averlo scritto.

La riscossa

Lo stesso giornale, ritrattò nel gennaio del 1800, stavolta definendo il K 268 autentico. La testata spiegò che Mozart l’aveva scritto 15 anni prima nel 1785 in base alla testimonianza del violinista e compositore Johann Friedrich Eck. Wolfgang a Monaco di Baviera gli aveva presentato il Concerto come opera sua. Quello è un pezzo quindi autenticissimo. Eck l’aveva suonato nella versione che poi André avrebbe pubblicato.

Ignorato da tutti

La vedova Constanze non si pronunciò, ma poiché il Concerto era davvero malfatto preferì non includerlo nella biografia di Nissen del 1828, quella pubblicata due anni dopo la morte di Nissen e che Nissen non avrebbe mai sottoscritto.

Il K 268 manca anche nella biografia di Jahn del 1859. Köchel lo inserì invece in catalogo nel 1862 al numero K 268 tra le opere mozartiane del 1776, dichiarandolo autentico. Apriti cielo!

Catalogo Köchel, il Concerto per violino e orchestra K 268

Le edizioni Breitkopf del 1882 ci ripensarono, confinandolo di nuovo tra i pezzi spuri alla sezione 24. Commentarono all’incirca che questo concerto, almeno nella forma che ci è giunta, non poteva essere di Mozart perché c’erano sezioni obiettivamente sgradevoli. Riconobbero tuttavia che dei punti suonavano bene. E quindi “scientificamente” decisero che le parti brutte le aveva scritte qualcun altro e le poche belle erano certamente di Mozart.

Il genio non può sbagliare

Il genio non sbaglia mai, soprattutto quando è già elevato al rango di semidio. Osservando che le parti decenti erano solo in prima e ultima posizione, Abert, biografo mozartiano, ipotizzò ad hoc che Mozart avesse solo schizzato i movimenti estremi e che l’onnipresente Süssmayr, come fosse un incapace, li avesse completati. Gli diede man forte l’altro biografo George De Saint-Foix che considerò soltanto il tutti orchestrale buono e autentico, visto che si salvava appena questo. Secondo lui Mozart aveva abbozzato il Concerto nel 1784 o al più tardi nel 1785. De Saint-Foix confermava quindi la data che l’Allgemeine Musikalische Zeitung aveva suggerito, ma pensò che l’autore fosse il violinista Eck. Se fosse stato del 1784-1785, perché Mozart non l’avrebbe inserito nel suo catalogo personale?

Parzialmente falso?

Nel 1931 Oldman ci vide delle somiglianze con la Sinfonia concertante K 364 e suggerì che il K 268 fosse stato scritto da Wolfgang a Monaco, oppure a Salisburgo tra il 1779 e il 1781. La fantasia galoppò nel corso degli anni a venire, finché Alfred Einstein non spostò la catalogazione del sesto Concerto nel catalogo K3 al numero K 365b. La musica era di Mozart, non poteva negarlo, ma Wolfgang avrebbe scritto solo gli schizzi del primo movimento, la parte bella, e forse poche misure del rondò. Il movimento centrale davvero insignificante doveva essere “di certo” un falso. E se invece fosse stato il contrario, cioè le parti estreme false e quella centrale autentica?

Altra ipotesi ad hoc

Friedrich Blume negli anni ’50 sostenne l’autenticità integrale del concerto che Mozart avrebbe scritto tra il 1777 e il 1783. Se la musica era penosa, è perché Mozart s’era limitanto a rifinire la parte del violino e dei ritornelli, lasciando incompiute le altre sezioni. Ed ecco sorgere l’altra ipotesi ad hoc. Blume ipotizzò che André avesse affidato l’incarico di completarlo a qualcun altro che evidentemente non era del mestiere. Un vero pasticcione, insomma.
Il catalogo K6, che rispecchia l’avanguardia degli studi mozartiani, recepì questa tesi di Blume e spostò quindi il Concerto nella sezione C dei pezzi spuri con la sigla C 14.04.

Le avventure del concerto K 268

L’avventura del sesto Concerto poteva finire qui? Macché!
Walter Lebermann scrisse nel 1978 che il Concerto l’aveva scritto Eck, rispolverando la vecchia ipotesi, e Robbins Landon fu ancora più preciso. Nel 1988 disse che Mozart non poteva averlo composto prima del 1783, perché nel Finale c’è un passaggio plagiato dalla Sinfonia 77 di Franz Joseph Haydn. Mozart aveva pure copiato!
NMA, la nuova edizione critica delle opere di Mozart, finì per negare persino l’esistenza del K 268!

il K 268 ignorato da NMA

Operazione di recupero

Mossi dalla condizione di abbandono in cui versa ingiustamente il K 268, proponiamo alle Società Mozart la costituzione di un comitato per salvare il Concerto e farlo tornare al legittimo creatore, cioé a Mozart. In alternativa si potrebbero sfrondare 500 pezzi circa dei 626 del catalogo Köchel, che si trovano quasi tutti nello stesso identico stato del K 268. Per coerenza o sono di Mozart tutti o nessuno.



Bibliografia di riferimento

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei Parte prima

Editore: Youcanprint
Pagine: 458, Brossura
ISBN: 978-8892602755
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte prima

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei – Parte seconda

Editore: Youcanprint
Pagine: 490, Brossura
ISBN: 978-8892653399
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte seconda

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart La costruzione di un genio
Editore: Youcanprint
Pagine: 146, Brossura
ISBN: 978-8831632010
(continua…)

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart Il flauto magico
Editore: Youcanprint
Pagine: 318, Brossura
ISBN: 978-88-27826-52-2
(continua…)

Mozart Il flautro magico

Sitografia

Mozart Il flauto magico
www.mozartilflautomagico.it

Mozart La caduta degli dei
www.mozartlacadutadeglidei.it
www.mozartlacadutadeglidei.com

italianOpera
www.italianopera.org
www.italianopera.it

K 302, una Sonata parigina ma non troppo

Sonata per cembalo con accompagnamento di violino

Sonata K 302 per cembalo e violino d’accompagnamento n. 19 in mi bemolle maggiore
Allegro in mi bemolle maggiore;
Rondò: Andante grazioso in mi bemolle maggiore.

Le Sonate K 301 (293a), K 302 (293b), K 303 (293c), K 304 (300c), K 305 (293d), K 306 (300l) sono giunte sino a noi conservate in manoscritti che qualcuno, non si sa chi, ha rilegato nell’Ottocento. L’autografo delle Sonate è ora in una collezione privata americana. Sul primo foglio della raccolta, in alto a sinistra, si legge scritto in matita: “Six Sonates manuscrites et autographes / de W. A. Mozart” (Sei Sonate manoscritte e autografe / di W. A. Mozart) e a destra, sempre in alto, “Composées à Paris. / en 1778″ (Composte a Parigi nel 1778).

L’autografo della Sonata K 302

Prima del collezionista americano, a possedere l’autografo fu il Barone Ernouf a Parigi, che a sua volta aveva acquistato il manoscritto della K 302 dalla vedova dell’editore Sieber. Sul primo foglio della Sonata Mozart non ha scritto nulla, tranne (se la mano è la sua) il titolo “Sonata II”. La scritta è centrata in alto.

Invece, sul primo foglio della raccolta, a destra in alto Mozart ha forse aggiunto “a Parigi”.

La Sonata K 302 non è stata scritta a Parigi

Sieber pubblicò la Sonata K 302 proprio a Parigi, ma la Sonata non è stata scritta in Francia. Mozart l’aveva portata con sè da Mannheim già completa!

L’edizione Sieber

La prima edizione uscì nel 1779: “Six Sonates / Pour Clavecin Ou Forté Piano / Avec Accompagnement D’un Violon / Dediées A Son Altesse Serenissime Electorale / Madame l’Electrice Palatine / par / Wolfgang Amadeo Mozart fils. / Oeuvre Premier.
/ A Paris Chez le Sr. Sieber, Editeur de Musique, rue St. Honoré à l’Hôtel d’Aligre Ancien Grand Conseil
“.

Scarica l’edizione Sieber delle Sonate (prima edizione del 1779 conservata alla Biblioteca Gallica di Parigi)

immagine di un documento pdf

Dubbi sull’autografo

Le Sonate dalla K 301 alla K 306 sono in autografo, ma non c’è la firma di Mozart. La musica non è datata; si tratta di una bella copia che sottintende un antigrafo, ossia un manoscritto dal quale Mozart ha copiato; l’indicazione di Parigi come luogo di composizione, almeno per la K 302 è sbagliato.


Per cembalo e non per pianoforte

Nella raccolta stampata è scritto che le sei Sonate sono per clavicembalo o in alternativa per forte piano con accompagnamento del violino. Sull’autografo della prima però è scritto espressamente “cembalo”. Il violino accompagna, e il cembalo la fa ancora da padrone; quindi è pretenzioso ribattezzare il pezzo “Sonata per violino e pianoforte”. La prima delle Sonate che appartiene a questa raccolta di sei, non era stata pensata oltretutto per il violino, ma per il flauto traverso. Nella K 301 c’è difatti questa precisazione: Mozart ha scritto “flauto traverso”, poi qualcuno ha cancellato e riscritto “violino”.


Composta a Mannheim

La Sonata K 302 era stata scritta prima, a Mannheim, nel febbraio del 1778. Mozart stava allora lavorando alla commissione del flautista dilettante olandese De Jean. Nella lettera del 14 febbraio 1778, un mese prima di raggiungere Parigi, Mozart scrisse a suo padre d’aver fatto qualcos’altro “tanto per cambiare”, cioè “dei duetti con la tastiera e il violino, e altro per la messa”.
Era risoluto a lavorare a questi duetti per tastiera “in modo da poterli stampare”. [BD II, 423]
Quest’ultima intenzione non fu mai realizzata, perché il 28 febbraio Mozart disse che “delle 6 Sonate per cembalo, ne ho ancora 2 da scrivere (la quarta e la sesta), ma non ho fretta, perché non posso averle incise qui; … l’incisore di rame non farà il lavoro a sue spese; vuole metà delle mie entrate. Quindi preferisco farle incidere a Parigi”. [BD II, 431]


Altri problemi a Parigi

A Parigi Mozart doveva aspettarsi però altri inghippi. Quando arrivò in città, la Sonata K 302 era già finita insieme alle altre tre di Mannheim K 301, K 303, K 305. All’inizio dell’estate egli completò le rimanenti due Sonate, la K 304 e la K 306, per formare un ciclo di Sei pezzi, ma non trovò un editore a Parigi che fosse disposto a inciderle, almeno alle sue condizioni.
La morte della madre ai primi di luglio del 1778 non c’entra probabilmente nulla con l’altra Sonata K 304 in mi minore, come si racconta.
Finalmente, Il 20 luglio Mozart informò suo padre che “le mie Sonate saranno presto incise, ma fino ad ora nessuno è stato disposto a darmi quello che chiedevo: alla fine dovrò cedere”. [BD II, 466]


Cacciato da Parigi

L’edizione Sieber è del 1779, quando Mozart è già lontano dalla capitale. Fu costretto a lasciare Parigi alcuni mesi prima, a settembre. E chi ha controllato le bozze dell’edizione delle Sonate? Lui no di certo.

Sieber aveva deciso di far stampare le Sonate quando si era già in tarda estate. L’incisione non era ancora finita quando Mozart fu caricato sulla prima diligenza, costretto a lasciare Parigi nel peggiore dei modi. La sua musica fu quindi pubblicata senza che lui potesse controllarla. Andandosene via da Parigi, s’era però portato una copia delle Sonate da presentare a Monaco alla dedicataria Elisabeth Auguste von Sulzbach del Palatinato. Da qui il nome “palatine” attribuito a queste sei Sonate.

veduta di Parigi negli anni 1770, dieci anni prima che Mozart vi pubblicasse la Sonata K 302
veduta di Parigi negli anni 1770

.

Quel che dice Köchel

Köchel: Sonata per cembalo con accompagnamento di violino, K 302
Köchel: Sonata per cembalo con accompagnamento di violino, K 302

Ulteriori notizie puoi trovarle nel libro Mozart la caduta degli dei e Mozart La caduta degli dei Parte seconda di Luca Bianchini, Anna Trombetta, 2016-2017, dedicato alla vita e alle opere di Mozart.

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei Parte prima

Editore: Youcanprint
Pagine: 458, Brossura
ISBN: 978-8892602755
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte prima

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart la caduta degli dei – Parte seconda

Editore: Youcanprint
Pagine: 490, Brossura
ISBN: 978-8892653399
(continua…)

Mozart la caduta degli dei Parte seconda

Riguardo agli anni 1784-1791, e alla mitizzazione di Mozart seguita alla sua morte vedi Mozart La costruzione di un genio:

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart La costruzione di un genio
Editore: Youcanprint
Pagine: 146, Brossura
ISBN: 978-8831632010
(continua…)

Per gli aspetti massonici e illuminati dei lavori mozartiani vedi anche Mozart Il Flauto magico di Luca Bianchini, Anna Trombetta, 2018.

Luca Bianchini, Anna Trombetta
Mozart Il flauto magico
Editore: Youcanprint
Pagine: 318, Brossura
ISBN: 978-88-27826-52-2
(continua…)

Mozart Il flautro magico