Mozart il semidio dell’impero d’Asburgo

Riunioni segrete dei carbonari

Sui libri del primo Ottocento, l’idea dei classici Haydn, Mozart, Beethoven fu coltivata per ogni dove con intenti extra-musicali. Mozart era presentato dai filoaustriaci come esempio e modello classico da seguire. Il compositore Ferrari ancora nel 1830 guardava con nostalgico rimpianto all’impero di Giuseppe II. Dopo aver dedicato spazio nei suoi libri a difendere la lingua tedesca, dolce ed espressiva, stimolava i giovani a seguire senza indugio Mozart, che egli, sentendosi parte dell’Impero austriaco, considerava un semidio.


Mozart fu considerato da alcuni il semidio dell'Impero d'Asburgo
L’Impero d’Austria

Accanto ai sostenitori ed estimatori degli occupanti austriaci, c’era chi faceva opposizione all’Austria, comunicando attraverso la musica lirica le proprie aspirazioni alla libertà. Non per nulla le Società carbonare italiane, che si opporranno agli stranieri, nacquero presso i teatri e i Conservatori di musica. Bellini ad esempio aderì alla Carboneria e rischiò per questo d’essere arrestato.


La società segreta dei carbonari



La musica riflette la cultura, politica, la storia, la società del proprio tempo. La produzione operistica italiana di fine Settecento è strettamente legata alle insurrezioni e alle reazioni contro la dominazione asburgica. Domenico Cimarosa (1749-1801), arrestato, condannato a morte, poi graziato e infine esiliato, si dice sia morto avvelenato dai sicari di Maria Carolina d’Asburgo-Lorena (1752-1814).


Maria Carolina d’Asburgo-Lorena

Mozart la caduta degli dei, novità dell’anno, l’unica biografia di Mozart che ti dice le cose come stanno. https://www.amazon.it/Mozart-caduta-degli-Luca-Bianchini/dp/8892602756/

Summary
Mozart, semidio dell'Impero d'Asburgo
Article Name
Mozart, semidio dell'Impero d'Asburgo
Description
Mozart il semidio dell'Impero d'Asburgo? C'è stato un momento del nostro Risorgimento nel quale Mozart è stato considerato icona dell'Impero asburgico. Il compositore Ferrari ancora nel 1830 guardava con nostalgico rimpianto all’impero di Giuseppe II. Dopo aver dedicato spazio nei suoi libri a difendere la lingua tedesca, dolce ed espressiva, stimolava i giovani a seguire senza indugio Mozart, che egli, sentendosi parte dell’Impero austriaco, considerava un semidio.
Author
Publisher Name
italianOpera
Publisher Logo

Lascia un commento